Try out the interactive grid

The print version of the Grid allows you to view it in its entirety as well as by category.

Formazione e qualifiche
Competenza linguistica
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sta studiando la lingua obiettivo a livello post-secondario.
      • Ha raggiunto una competenza di livello B1 nella lingua obiettivo.
    • 1.2
      • Sta studiando la lingua obiettivo a livello post-secondario.
      • Ha raggiunto una competenza di livello B2 nella lingua obiettivo.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Ha ottenuto una certificazione di competenza di livello B2 nella lingua obiettivo e ha una competenza orale a livello C1.
    • 2.2
      • Ha ottenuto una certificazione di competenza di livello C1 nella lingua obiettivo,
      • oppure
      • Ha un titolo nella lingua obiettivo e una comprovata competenza a livello C1.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Ha ottenuto una certificazione di competenza di livello C2 nella lingua obiettivo,
      • oppure
      • Ha un titolo nella lingua obiettivo e una comprovata competenza a livello C2.
    • 3.2
      • Ha un certificato di competenza nella L2 a livello C2 e una competenza naturale nella lingua
      • oppure
      • Ha una competenza da parlante nativo nella lingua obiettivo.
Formazione
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sta seguendo un percorso formativo iniziale come docente di lingua presso un centro di formazione, una università o una istituzione privata che offrono qualifiche riconosciute  nella didattica della lingua.
    • 1.2
      • Ha completato parte della propria formazione iniziale relativa alla consapevolezza linguistica e alla metodologia, in modo da poter cominciare a insegnare la lingua obiettivo, ma non ha ancora ottenuto una qualifica.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Ha ottenuto una qualifica iniziale dopo aver completato con successo un minimo di 60 ore di formazione documentata e strutturata sulla didattica della lingua obiettivo, che comprendeva una parte di pratica di insegnamento monitorato,
      • oppure
      • Ha completato un certo numero di corsi o moduli nell’ambito della propria laurea (nella lingua obiettivo o in didattica della seconda lingua), ma non ha ancora ottenuto una qualifica.
    • 2.2
      • ha un titolo nella lingua obiettivo che comprende una componente glottodidattica e una parte di pratica di insegnamento monitorato
      • oppure
      • ha un certificato di insegnamento della lingua obiettivo riconosciuto a livello internazionale (con un minimo di 120 ore di didattica).
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Ha una laurea (o un modulo universitario) nell’insegnamento della lingua obiettivo, che comprende una pratica di insegnamento monitorato,
      • oppure
      • ha un certificato di insegnamento della lingua obiettivo riconosciuto a livello internazionale (con un minimo di 120 ore di didattica)  
      • e anche
      • ha partecipato ad almeno 100 ore di ulteriore formazione strutturata in servizio.
    • 3.2
      • Ha completato un percorso di laurea magistrale o un modulo universitario in glottodidattica o linguistica applicata, che comprende una pratica di insegnamento monitorato, se questo non era previsto nella precedente formazione,
      • oppure
      • ha un diploma post lauream o un diploma professionale in didattica delle lingue (ottenuto con un corso di almeno 200 ore)
      • ha un’ulteriore formazione in ambiti specialistici (per es. didattica della lingua per scopi speciali, verifica e valutazione, formazione dei docenti)
Insegnamento monitorato e valutato
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sta accumulando esperienza attraverso l’insegnamento di parti di lezioni e la collaborazione con un collega in grado di fornire feedback.
    • 1.2
      • Ha avuto esperienza di insegnamento monitorato, essendo stato osservato e valutato positivamente durante lo svolgimento di singole lezioni.
      • Ha avuto esperienza guidando attività didattiche con piccoli gruppi di apprendenti o altri tirocinanti (‘micro-teaching’).
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Nella formazione iniziale ha avuto almeno 2 ore di pratica di insegnamento documentata e valutata positivamente, per almeno due livelli.
      • Nell’insegnamento reale è stato osservato e ha ricevuto una valutazione positiva documentata su 3 ore di lezione.
    • 2.2
      • Nella formazione ha avuto almeno 6 ore di pratica di insegnamento documentata e valutata positivamente, per almeno due livelli.
      • Nell’insegnamento reale è stato osservato e ha ricevuto una valutazione positiva documentata su 6 ore di lezione per tre o più livelli.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • E’ stato osservato e valutato per almeno 10 ore durante la pratica di insegnamento e le esperienze di insegnamento reale a vari livelli e con diversi tipi di apprendenti, ricevendo una valutazione positiva documentata.
    • 3.2
      • E’ stato osservato e valutato per almeno 14 ore durante la pratica di insegnamento e le esperienze di insegnamento reale, ricevendo una valutazione positiva documentata.
      • E’ stato valutato come mentor o come osservatore di docenti meno esperti.
Esperienza di insegnamento
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Ha insegnato alcune lezioni o parti di lezioni a uno o due livelli.
    • 1.2
      • Ha una propria classe (o proprie classi) ma ha esperienza solo per uno o due livelli.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Ha esperienza di insegnamento documentato senza assistenza per 200-800 ore.
      • Ha insegnato a classi di vari livelli.
    • 2.2
      • Ha 800-2400 ore di esperienza di insegnamento documentato:
        - a vari livelli
        - in più di un contesto di insegnamento/apprendimento
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Ha 2400-4000 ore di esperienza di insegnamento documentato:
        - a tutti i livelli tranne il C2
        - in più di un contesto di insegnamento/apprendimento
    • 3.2
      • Ha circa 6000 ore di esperienza di insegnamento documentato.
      • Ha insegnato in molti diversi contesti di insegnamento/apprendimento.
      • Ha esperienza come mentor e come formatore di altri docenti.
Competenze didattiche fondamentali
Metodologia:conoscenze e abilità
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sta imparando le diverse teorie sull’apprendimento linguistico e i metodi didattici.
      • Quando osserva dei docenti più esperti sa capire perché hanno scelto le tecniche e i materiali che stanno usando.
    • 1.2
      • Ha una conoscenza di base di diverse teorie sull’apprendimento linguistico e diversi metodi didattici.
      • Sa scegliere nuove tecniche e materiali seguendo i consigli dei colleghi.
      • Sa identificate le tecniche e i materiali per diversi contesti di insegnamento e apprendimento.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Ha familiarità con le teorie sull’apprendimento linguistico e i metodi didattici.
      • Ha familiarità con le tecniche di insegnamento e con i materiali di didattici per due o più livelli.
      • Sa valutare da un punto di vista pratico le tecniche e i materiali più adatti ai diversi contesti didattici.
      • Sa tener conto dei bisogni di particolari gruppi quando sceglie quale metodo e quali tecniche usare.
    • 2.2
      • Ha una buona conoscenza delle teorie sull’apprendimento linguistico, i metodi didattici, gli stili le strategie di apprendimento.
      • Sa identificare i principi teorici su cui si basano le tecniche e i materiali.
      • Sa usare in modo appropriato una varietà di tecniche e attività didattiche.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa fornire giustificazioni teoriche per l’approccio didattico che usa e per un’ampia gamma di tecniche e materiali.
      • Sa usare un’ampia gamma di tecniche didattiche, attività e materiali.
    • 3.2
      • Ha una conoscenza approfondita delle teorie sull’apprendimento e sull’insegnamento linguistico e la condivide con i colleghi.
      • Sa fornire, in seguito all’osservazione in classe di colleghi, consigli pratici e metodologicamente fondati per  ampliare la loro gamma di tecniche.
      • Sa selezionare e creare compiti e materiali didattici adeguati e materiali per qualsiasi livello, per farli usare ai colleghi.
Valutazione
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sa somministrare e correggere test  finali tratti dal libro di testo.
    • 1.2
      • Sa somministrare e correggere test di progresso (per es. a fine corso, a fine anno) quando gli vengono forniti i materiali adatti.
      • Sa realizzare test orali quando gli vengono forniti i materiali adatti.
      • Sa preparare e guidare attività appropriate di revisione.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Sa somministrare regolari test di progresso che comprendano anche una parte orale.
      • Sa identificare le aree su cui gli apprendenti devono lavorare, a partire dai risultati dei test e dei compiti di verifica.
      • Sa dare chiari feedback sui punti di forza e di debolezza identificati, e sa indicare le priorità per il lavoro individuale.
    • 2.2
      • Sa selezionare e somministrare regolari compiti di verifica per valutare i  progressi degli apprendenti nella lingua e nelle varie abilità.
      • Sa usare un codice condiviso di valutazione per identificare i diversi tipi di errore nei compiti scritti, in modo da migliorare la consapevolezza linguistica degli apprendenti.
      • Sa preparare i test di piazzamento e sa coordinarne la realizzazione.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa progettare materiali e compiti per la verifica dei progressi nell’orale e nello scritto.
      • Sa usare registrazioni video delle interazioni degli apprendenti per aiutarli a riconoscere i propri punti di forza e di debolezza.
      • Sa applicare in maniera affidabile i criteri del QCER per valutare le competenze orali e scritte degli apprendenti.
    • 3.2
      • Sa progettare compiti di verifica per tutte le abilità linguistiche e sulle conoscenze metalinguistiche a tutti i livelli.
      • Sa applicare in maniera affidabile i criteri del QCER per valutare le competenze orali e scritte degli apprendenti a tutti i livelli e sa aiutare i colleghi meno esperti nel farlo.
      • Sa creare dei test formali validi per determinare se gli apprendenti hanno raggiunto un dato livello del QCER.
      • Sa tenere delle sessioni di standardizzazione per valutatori secondo i livelli del QCER.
Progettazione didattica
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sa collegare una serie di attività in un piano didattico, quando gli vengono dati i materiali per farlo.
    • 1.2
      • Sa trovare attività per integrare quelle nel libro di testo.
      • Sa assicurare la coerenza fra le lezioni tenendo conto degli esiti di lezioni precedenti quanto pianifica quelle successive.
      • Sa adattare i piani delle lezioni tenendo conto dei successi e delle difficoltà di apprendimento.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Sa usare un sillabo e materiali specifici per preparare i piani delle lezioni in modo da rispondere ai bisogni del gruppo.
      • Sa programmare le fasi e i tempi delle lezioni, secondo i diversi obiettivi.
      • Sa confrontare i diversi bisogni degli apprendenti e sa fare riferimento a questi nel progettare gli obiettivi primari e supplementari delle lezioni.
    • 2.2
      • Sa progettare un corso o parte di un corso tenendo conto del sillabo, dei bisogni di apprendenti diversi e dei materiali disponibili.
      • Sa progettare compiti per sfruttare il potenziale linguistico e comunicativo dei materiali.
      • Sa progettare compiti per far fronte ai bisogni individuali e agli obiettivi del corso.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa elaborare una dettagliata analisi dei bisogni e sa usarla per sviluppare un piano equilibrato e dettagliato del corso che comprende il reimpiego e la revisione.
      • Sa progettare compiti diversi basati sullo stesso materiale ma da usare con apprendenti con livelli di competenza diversi.
      • Sa usare l’analisi delle difficoltà degli apprendenti per decidere i punti da sviluppare nelle lezioni seguenti.
    • 3.2
      • Sa progettare corsi specialistici per contesti diversi che integrano il contenuto linguistico e comunicativo secondo il settore di specialità.
      • Sa guidare i colleghi per valutare e tener conto di diversi bisogni individuali nella progettazione dei corsi e nella preparazione delle lezioni.
      • Sa assumere la responsabilità della revisione del curricolo e del sillabo di corsi diversi.
Interazione didattica ee gestione della classe
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • se dare istruzioni chiare e sa organizzare un’attività, purché sotto una guida.
    • 1.2
      • Sa gestire l’interazione fra il docente e la classe.
      • Sa alternare i momenti in cui insegna all’intera classe e quelli in cui gli apprendenti lavorano in coppie o in gruppi, dando chiare istruzioni.
      • Sa coinvolgere gli apprendenti nel lavoro in coppie o in gruppo basandosi sulle attività di un manuale.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Sa organizzare e gestire in maniera efficace il lavoro a coppie e di gruppo e sa rimettere insieme la classe dopo queste attività.
      • Sa monitorare le attività individuali e di gruppo.
      • Sa fornire un chiaro feedback.
    • 2.2
      • Sa organizzare una sequenza equilibrata e varia di attività di classe, di gruppo e a coppie, in modo da raggiungere gli obiettivi della lezione.
      • Sa organizzare l’apprendimento basato su compiti.
      • Sa monitorare efficacemente le performance degli apprendenti.
      • Sa fornire / elicitare un chiaro feedback.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa organizzare l’apprendimento basato su compiti, in cui i gruppi svolgono contemporaneamente attività diverse.
      • Sa monitorare le performance individuali e di gruppo in maniera accurata e approfondita.
      • Sa fornire / elicitare un feedback individuale in vari modi.
      • Sa usare il monitoraggio e il feedback per progettare le attività successive.
    • 3.2
      • Sa organizzare, monitorare e fornire sostegno ai singoli e ai gruppi con competenze diverse nella stessa classe, lavorando su compiti diversi.
      • Sa usare un’ampia gamma di tecniche per fornire / elicitare feedback.
Competenze generali
Competenza interculturale
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Capisce che il rapporto fra lingua e cultura è un fattore importante nell’insegnamento e nell’apprendimento della lingua.
    • 1.2
      • Sta imparando l’importanza delle questioni culturali nell’insegnamento.
      • Sa avvicinare gli apprendenti alle differenze più importanti  nei comportamenti culturali e nelle tradizioni.
      • Sa creare un’atmosfera di tolleranza e comprensione reciproca nelle classi socialmente e culturalmente eterogenea.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Comprende e sa tener conto delle principali opinioni stereotipate.
      • Sa usare la propria consapevolezza per ampliare la conoscenza degli studenti su comportamenti culturali rilevanti (per es. la cortesia, il linguaggio del corpo ecc.).
      • Sa riconoscere l’importanza di evitare problemi interculturali nella classe e di promuovere l’inclusione e il rispetto reciproco.
    • 2.2
      • Sa aiutare gli apprendenti ad analizzare le opinioni stereotipate e i pregiudizi.
      • Sa integrare nella lezione punti chiave di differenza nel comportamento interculturale (per es. la cortesia, il linguaggio del corpo ecc.)
      • Sa scegliere i materiali più adatti all’orizzonte culturale degli apprendenti, pur cercando di espanderlo con attività adeguate al gruppo classe.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa usare in internet motori di ricerca, progetti e presentazioni per espandere la comprensione propria e quella degli apprendenti e per apprezzare le questioni interculturali.
      • Sa sviluppare la capacità degli apprendenti di analizzare e discutere somiglianze e differenze sociali e culturali.
      • Sa anticipare e gestire efficacemente le aree culturalmente sensibili.
    • 3.2
      • Sa usare nel momento opportuno le proprie ampie conoscenze sulle questioni interculturali per aiutare i colleghi meno esperti.
      • Sa sviluppare la capacità dei colleghi nell’affrontare questioni culturali, suggerendo le tecniche più adatte per ridurre il disaccordo e gli incidenti quando si verificano.
      • Sa creare attività, compiti e materiali per sé e per i colleghi e sa cercare feedback sulla loro efficacia.
Consapevolezza linguistica
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sa usare dizionari, grammatiche ecc. come riferimento.
      • Sa rispondere a semplici domande sulla lingua che vengono frequentemente poste dagli studenti del livello a cui sta insegnando.
    • 1.2
      • Sa offrire modelli adeguati di forme e usi linguistici adatti agli apprendenti nei livelli di competenza A1-B1.
      • Sa rispondere alle domande su questioni linguistiche in maniera non necessariamente completa ma comunque adeguata ai i livelli di competenza A1-B1.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Sa offrire modelli adeguati di forme e usi linguistici adatti agli apprendenti, tranne a quelli di livello avanzato (C1-C2).
      • Sa dare risposte alle domande sulla lingua in maniera appropriata agli apprendenti, tranne a quelli di livello avanzato (C1-C2).
    • 2.2
      • Sa offrire modelli adeguati di forme e usi linguistici adatti agli apprendenti, tranne a quelli di livello C2, in quasi tutte le occasioni.
      • Sa riconoscere e capire i problemi linguistici degli apprendenti.
      • Sa dare risposte a domande sulla lingua obiettivo in maniera appropriata agli apprendenti, tranne a quelli di livello C2.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa selezionare e offrire modelli adeguati di forme e usi linguistici in quasi tutte le occasioni e a tutti i livelli.
      • Sa dare risposte a quasi tutte le domande sulla lingua in maniera completa e accurata, fornendo chiare spiegazioni.
      • Sa usare una serie di tecniche per guidare gli apprendenti a tirar fuori delle risposte dalle proprie domande sulla lingua, correggendo i loro errori.
    • 3.2
      • Sa dare sempre risposte complete e accurate alle domande degli studenti su diversi aspetti della lingua e dell’uso.
      • Sa spiegare le sottili differenze di forma, significato e uso ai livelli C1-C2.
Competenze informatiche
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Sa scrivere un documento di lavoro usando un software di trattamento dei testi, seguendo convenzioni standard.
      • Sa cercare in rete potenziali materiali didattici.
      • Sa scaricare risorse dai siti.
    • 1.2
      • Sa creare lezioni con materiali scaricabili da internet: testi, immagini, grafici, ecc.
      • Sa organizzare i materiali in cartelle ordinate secondo un criterio logico.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Sa usare i software per gestire immagini, DVD e file audio.
      • Sa usare qualsiasi software standard (Windows o Mac), compresi i software media player.
      • Sa consigliare a studenti e colleghi adeguati materiali online.
    • 2.2
      • Sa organizzare e controllare il lavoro degli apprendenti online.
      • Sa usare i software per gestire immagini,  video e  audio.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Sa insegnare agli studenti come selezionare e usare esercizi online adatti ai loro bisogni individuali.
      • Sa editare e adattare file audio e video.
      • Sa mostrare ai colleghi come usare nuovi software e hardware.
      • Sa coordinare i project work con media digitali (usando per esempio una telecamera, internet, i social networks ecc.)
      • Sa risolvere la maggior parte dei problemi con le attrezzature digitali della classe.
    • 3.2
      • Sa insegnare agli studenti come usare qualsiasi attrezzatura tecnica disponibile in classe (LIM, cellulari, tablet ecc.) , in maniera utile per l’apprendimento linguistico.
      • Sa mostrare ai colleghi come sfruttare il potenziale didattico delle attrezzature tecniche disponibili e delle risorse in rete.
      • Sa progettare moduli di apprendimento blended usando piattaforme tipo Moodle.
Professionalità
Comportamento professionale
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Cerca feedback sulla propria pratica di insegnamento e altre attività.
      • Cerca consigli dai colleghi e nei manuali.
    • 1.2
      • Agisce secondo l’etica, la missione e le regole dell’istituzione.
      • Collabora con i colleghi in riferimento agli studenti e riferimento alla preparazione delle lezioni.
      • Interviene secondo i feedback del formatore dopo l’osservazione in classe.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Accoglie positivamente le opportunità di condividere l’insegnamento (team teaching) con colleghi in uno o due livelli.
      • Agisce in base al feedback ricevuto dai colleghi dopo l’osservazione in classe.
      • Contribuisce allo sviluppo dell’istituzione e alla sua buona gestione e reagisce positivamente ai cambiamenti e alle sfide nell’istituzione stessa.
    • 2.2
      • Accoglie positivamente le opportunità di essere osservato e ricevere feedback sul proprio insegnamento.
      • Prepara e partecipa attivamente alle attività di sviluppo professionale.
      • Partecipa attivamente allo sviluppo dell’istituzione e al suo sistema educativo e amministrativo.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Agisce da mentor per i colleghi meno esperti.
      • Guida sessioni di formazione, con l’aiuto di un collega o se riceve i materiali da usare.
      • Osserva i colleghi e fornisce utile feedback.
      • Quando se ne presenta l’occasione, si assume la responsabilità di certi progetti relativi allo sviluppo dell’istituzione.
    • 3.2
      • Crea moduli di formazione per gli insegnanti meno esperti.
      • Tiene corsi di formazione per docenti.
      • Osserva e valuta i colleghi che insegnano a tutti i livelli.
      • Organizza occasioni per i colleghi di osservarsi a vicenda.
Gestione amministrativa
  • Development Phase 1
    • 1.1
      • Completa i compiti di routine, come mettere le firme nel registro delle presenze, fornire, raccogliere, restituire materiali.
    • 1.2
      • Consegna a tempo debito i piani e le relazioni richieste, completati in maniera corretta.
      • Segnala in maniera adeguata errori nei test e nei compiti a casa.
  • Development Phase 2
    • 2.1
      • Gestisce in maniera efficace i voti e la scrittura delle relazioni.
      • Tiene una documentazione chiara e ben organizzata sulle lezioni.
      • Fornisce a tempo debito la documentazione e i feedback richiesti.
    • 2.2
      • Gestisce in maniera efficace i compiti amministrativi relativi alla professione.
      • Anticipa i compiti regolari ma meno frequenti e li realizza a tempo debito.
      • Si occupa in maniera adeguata dei problemi delle domande e dei feedback degli studenti.
  • Development Phase 3
    • 3.1
      • Coordina con altri i compiti amministrativi, raccoglie informazioni, relazioni, opinioni ecc. se gli viene chiesto di farlo.
      • Si assume la responsabilità di certi compiti amministrativi (per es. organizzare gli incontri dei docenti, raccogliere, analizzare e riferire sui feedback del corso ecc.).
    • 3.2
      • Agisce da coordinatore dei corsi se gli viene chiesto di farlo.
      • Collabora con la segreteria studenti, con la ragioneria, con gli sponsor, con i genitori ecc. per quanto è necessario.
      • Contribuisce attivamente alla progettazione e alla revisione dei sistemi amministrativi.

Download the grid

The European Profiling Grid, the Glossary and the User guide can be downloaded in the languages of your choice.

  • Language of additional documents

The user guide

The user guide provides examples of how each type of user might use the Grid.